Buddhachannel










Instagram





Rubriche

L’olio d’oliva, effetti benefici alla salute e alla forma fisica

mercoledì 7 luglio 2010, di Buddhachannel Italia

Langues :

Tutte le versioni di questo articolo: [français] [italiano]


Fu il grande nutrizionista Ancel Keys , gia negli anni 70, a mettere per primo in evidenza le virtù salutari dell’olio d’oliva: attraverso uno studio di 10 anni, condotto in 7 paesi, constatò come tra le popolazioni mediterranee, abituate a consumarne, l’incidenza dell’infarto o di altre malattie cardiocircolatorie fosse dicisamente più bassa rispetto ai paesi dove la dieta comprendeva soprattutto grassi animali.

La scoperta di Keys richiamò l’attenzione di tutti gli scienziati sull’olio d’oliva e da allora non passa anno, senza che si allunghi l’elenco delle sue virtù salutari.

Gli effetti dell’olio sulla salute

L’olio d’oliva, per quelli che praticano sport, è in grado di mantenerli in forma e al massimo delle loro energie. È fondamentale anche per bimbi ed anziani, perché limita la perdita di calcio osseo ed è molto digeribile l ’olio extravergine di oliva si caratterizza per la sua fragranza ed il suo sapore che lo privilegiano fra tutti gli altri oli vegetali e lo rendono particolarmente gradito al palato.

La sua digeribilità è elevatissima in quanto stimola le secrezioni gastroenteriche predisponendo l’organismo ad una migliore digestione;
Fornisce protezione alle mucose dello stomaco. Ha precise azioni locali emollienti, cioè protettive, disinfiammanti e di stimolo:

1) sulla mucosa che riveste la superficie interna dello stomaco e dell’intestino;

2) sul fegato per una maggior produzione di bile;

3) sulla cistifellea che provvede a riversare la bile nell’intestino;

4) sul pancreas per la produzione di maggiori quantità di enzima digestivo.

E’ capace di un’efficace azione protettiva sia verso la gastrite che verso l’ulcera gastrica.

- Assicura al corpo la giusta dose di acido linoleico;

- Agisce positivamente nelle malattie delle vie biliari;

- Non intasa le arterie, in quanto contribuisce a ridurre l’eccesso di colesterolo nel sangue stimolando le secrezioni biliari;

- Permette il più elevato assorbimento di vitamine, in particolare della E;
Svolge sull’intestino un’azione di regolazione sulla peristalsi che può essere vantaggiosamente sfruttata tanto nelle stitichezze atoniche, quanto nelle stitichezze spastiche del colon irritabile;

- E’ particolarmente adatto nell’alimentazione adatto nell’alimentazione dell’infanzia per la sua composizione acidica che lo rende molto vicino alla composizione del grasso materno;


- Nella senescenza, in cui non è infrequente osservare la presenza di turbe dell’assorbimento con carenze multiple vitaminiche e minerali, l’olio di oliva trova indicazione sia per la facile digeribilità che consente anche un migliore assorbimento delle vitamine liposolubili, sia per l’azione blandamente lassativa che corregge frequentemente stitichezza atonica di questa età;

- Sopporta benissimo le fritture in quanto la sua temperatura critica – quella della deformazione molecolare – è di circa 210 – 220 gradi. Non modifica, se non in minima parte, la propria composizione di acidi grassi dopo un trattamento termico anche della durata di 3 ore a 200 C. gli oli vegetali “generici” vanno incontro alla formazione di perossidi e di polimeri che possono provocare lesioni al fegato, ai reni, allo stomaco ed all’apparato cardiovascolare.

I benefici dell’olio d’oliva

Buono per gli adulti, l’olio d’oliva è ottimo per i bambini che, per crescere bene e sviluppare al meglio i tessuti corporei devono assumere con i grassi circa il 30% delle calorie totali giornaliere. La leggerezza, la digeribilità e la particolare composizione lo rendono il condimento perfetto sin dal periodo dello svezzamento. Aggiunto alle pappe le rende più gustose e gradevoli al palato, ma anche più avanti, nel corso dello sviluppo, rimane il condimento ideale ed è dimostrato che 20 grammi di olio d’oliva (circa due cucchiai di minestra) nel corso della giornata sono una dose consigliabile per garantire ai bambini la crescita migliore.

Quale olio scegliere?

Si può peccare sulla superficialità puntando solo sulla notorietà della marca, oppure, al contrario, ricercare il prezzo più basso, convinti che gli oli d’oliva siano tutti uguali. Ma basta leggere l’erichetta per rendersi conto che ne esistono diverse categorie . Deve comunque rispondere a 3 requisiti:

- Sia del tipo extravergine
- sia in perfette condizioni di conservazione
- incontri il gusto dei nostri piccoli
- Al supermercato si possono trovare tre categorie diverse di olio d’oliva, distinguibili l’una dall’altra per la diversa denominazione:

Olio d’oliva extravergine : di gusto perfetto e bassa acidità, conserva tutto il suo patrimonio di vitamine e di aromi

Olio d’oliva : ottenuto miscelando olio di oliva raffinato (sottoposto a trattamenti chimici per eliminarne l’acidità, il cattivo odoro, il sapere imperfetto) con una certa quantità di olio d’oliva vergine

Olio di sansa di oliva è il livello di qualità più basso. La sansa è il residuo solido che rimane dopo aver spremuto tutto l’olio dalle olive.

Fonti : http://primainfanzia.blogspot.com ; http://www.frantoionline.it

Forum solo su abbonamento

È necessario iscriversi per partecipare a questo forum. Indica qui sotto l’ID personale che ti è stato fornito. Se non sei registrato, devi prima iscriverti.

Collegamentoregistratipassword dimenticata?