Buddhachannel

Nella stessa categoria

21 novembre 2016

L’Apprentissage Shambhala

29. Juni 2016

Ajahn Chah










Instagram





Rubriche

Nālandā : la più importante università buddhista dell’India antica

martedì 15 dicembre 2009

Langues :

Tutte le versioni di questo articolo: [English] [Español] [français] [italiano] [Nederlands] [Português] [中文]

Ruines de l'Université de Nalanda<br>Bihar - Inde

Nālandā è la più importante università buddhista dell’India antica.

Essa era situata nella regione di Magadha, in un luogo visitato più volte dal Buddha Shakyamuni. Per questa ragione furono qui eretti, nel V secolo a.C. gli stūpa a ricordo di due dei suoi principali discepoli: Śāriputra e Maudgalyayana (pali: Moggallāna). Nel II secolo a.C. l’imperatore Aśoka vi costruì un tempio e nel II secolo d.C. vi furono eretti un monastero ed altri otto templi dai monaci di scuola mahāyāna.

Fra i primi abati del monastero (II secolo) vi furono Avitarka, Rāhulabadra e Nāgārjuna. Quest’ultimo Patriarca di tutte le scuole mahāyāna e vajrayāna. Anche Āryadeva vi insegnò così come tutti i principali maestri del buddhismo mahāyāna e vajrayana. Qui Aśvaghoṣa fu convertito al Buddhismo da Pārśva.

Poco dopo Āryadeva, Nālandā fu distrutta da una incursione di barbari. Il re Buddhapakṣa (III secolo) la fece ricostruire. Successivamente vi insegnarono come abati Asaṅga e Vasubandhu. La dinastia Gupta (IV-VI secolo) fu molto favorevole al centro di Nālandā e Kumaragupta (regno: 413-455) ne costruì il tempio centrale. Qui, nel VII secolo, ci fu il celebre dibattito tra lo studioso mādhyamika Candrakīrti e quello cittamātra Candragomin. Qui fu recitato da Śāntideva (VIII secolo) il Bodhicharyāvatāra.

Al suo massimo splendore, Nālandā possedeva più di 100 aule di insegnamento, 8 sale monastiche, 11 monasteri con 300 dormitori dove risiedevano almeno 3000 monaci-studenti ammessi dopo un severo esame.

Uno splendore durato fino al 1235 quando una invasione musulmana guidata da Muhammad Khalji la raderà al suolo trucidando tutti i monaci. Interessante è la testimonianza di un pellegrino e traduttore tibetano, Dharmasvamin (tibetano: Chag Lo-tsa-ba, 1197-1264), il quale giunto alcuni mesi dopo l’incursione musulmana vi trovò solo un vecchio monaco sopravvissuto di novant’anni, Rahulasribhadra, che tra le rovine insegnava il sanscrito a qualche decina di giovani discepoli. Avvertiti del sopraggiungere di nuove truppe musulmane, Dharmasvamin convinse il vecchio monaco a porsi in salvo, portandolo egli stesso sulle spalle insieme ad un po’ di cibo e a qualche sutra scampato agli incendi. Questa è l’ultima testimonianza su Nālandā.

Nel 1915 furono scoperti i primi resti archeologici e iniziati gli scavi che termineranno solo nel 1985 mostrando al mondo l’antico splendore di Nālandā.

wikipedia.org

Forum solo su abbonamento

È necessario iscriversi per partecipare a questo forum. Indica qui sotto l’ID personale che ti è stato fornito. Se non sei registrato, devi prima iscriverti.

Collegamentoregistratipassword dimenticata?