Buddhachannel

Editoriale

Le Sei Concordie - Thich Nhat Hanh

Le 21 marzo 2016, di Buddhachannel Italia

le Sei Concordie Dopo avere visto come i monaci Anuruddha, Kimbila e Nandiya convivevano in armonia, il Buddha pronunciò le Sei Concordie, i principi per essere felici insieme agli altri: "Bhikkhu, la natura di una comunità è l’armonia, che si ottiene seguendo questi principi: condividere uno spazio comune, sia una casa o una foresta; condividere i doveri essenziali della giornata; osservare i precetti insieme; pronunciare parole che creino armonia, astenendosi da quelle (...) segue

Umorismo

Zem — La pratique de la méditation

plus d articles



Records della settimana

La storia d’Avishahya l’invincibile

Fu per il buon Karma di un ricco mercante che il Bodhisattva nacque, molto (...)


La storia del sacrificio

Si racconta che, molto tempo fa, il Bodhisattva nacque in una grande (...)


La storia della tigre affamata

Molti anni fa il Bodhisattva nacque nella famiglia di un ricco e potente (...)


Foto del giorno


Evénement

Festival Dell’Oriente

Esplorare l’Universo d’Oriente Esplorare l’Universo d’Oriente Immergersi nelle culture e nelle tradizioni di un Continente sconfinato. Il 31 Ottobre e l’1 e 2 Novembre al complesso fieristico Carrarafiere, torna la magia dell’Oriente. Dopo l’ennesimo straordinario successo della sesta e settima edizione, tenutesi rispettivamente a Milano e, per la prima volta, a Roma, Il Festival torna a Carrara, nella sua sede d’origine, per la ottava edizione. Mostre fotografiche, bazar, stand commerciali, (...) segue


Annuario

Centro Lama Tzong Khapa Treviso

Maestri Sua Santità il XIV Dalai Lama (Tenzing Ghiatzo) Sua Santità Tenzin Ghiatso fu riconosciuto come XIV Dalai Lama del Tibet nel 1937, all’età di due anni, e fu investito nel 1940 della sua autorità di capo spirituale e temporale. Mentre era in corso la sua educazione religiosa, la Cina nel 1959 invadeva il Tibet; da allora egli vive a Dharamsala, in India, dove guida il Governo Tibetano in esilio. Uomo di dottrina, uomo di pace e portavoce di una più estesa comprensione tra i popoli e (...) segue

Ultimo autore

Buddhachannel Italia

Buddhachannel é una web TV al servizio del Dharma, Sangha e di tutti i (...) segue


Articoli e Conferenze

La suprema beatitudine buddhista (Paolo Vicentini)

Vi è stata una lunga e radicata tradizione di pensiero in Occidente che ha interpretato il buddhismo come una dottrina pessimistica e nichilistica, negatrice del mondo e proponitrice di un annullamento, di un dissolvimento totale dell’individualità. Solitamente poi, e curiosamente, questa interpretazione si accompagnava ad un’altra che poneva l’ideale di liberazione buddhista, ossia la realizzazione dello “spegnimento” o “estinzione” (nibbâna), come il risultato di un atto estremo di egoismo. Illustre rappresentante di questa tradizione fu Max Weber, il quale ancora negli anni Venti del secolo appena trascorso scrisse: La salvezza [nel buddhismo] è la realizzazione assolutamente personale di un (...) segue


Testi fondamentali

Prajñāpāramitā Ratnaguṇasaṃcayagātha - Sutra della Perfezione della Saggezza - Capitolo 8-11

Omaggio a tutti i Buddha e Bodhisattva! Al che il Signore, per soddisfare le quattro assemblee, e inoltre per dare luce a questa perfezione di saggezza, espose allora i seguenti versi: CAPITOLO 8IL SIGNIFICATO DELLA PUREZZA La purezza della forma dovrebbe essere conosciuta dalla purezza del frutto. Dalla purezza della forma e frutto, è la purezza della Completa Conoscenza. La purezza della Completa Conoscenza e del frutto, e anche la purezza della forma: così come la similitudine dell’elemento spazio, esse non possono essere tagliate o separate. Avendo trasceso ciò che appartiene al triplice mondo, i Bodhisattva, [anche se le loro] oscurazioni [sono] rimosse, mettono in atto un nuova (...) segue


Buddhismo

Introduzione al Buddhismo e alla Pratica di Zazen - Gudo Nishijima Roshi (4/6)

Introduzione al Buddhismo e alla Pratica di Zazen Insegnamenti di Gudo Nishijima Roshi Il Buddha Gotama Di che cosa facciamo l’esperienza, in Zazen? Zazen è la forma più semplice di azione, e quando si pratica Zazen non si pensa intenzionalmente ad alcunche’, e non ci si concentra sui propri sentimenti e percezioni. Ci si siede in un semplice stato di non discriminazione dove il nostro corpomente è bilanciato e indiviso. Tuttavia, dal momento che stiamo descrivendo lo stato in Zazen, non possiamo evitare di fare delle divisioni e delle categorie. Malgrado queste categorie, l’esperienza fattuale di Zazen resta olistica. Si possono descrivere quattro aspetti della pratica di Zazen. (...) segue

Ultimo articolo

Dhammapada XIX. Dhammattha-vagga : Il seguace del dharma

DHAMMAPADA XIX. Dhammattha-vagga : Il seguace del dharma 256 - 257 Se cerchi di realizzare i tuoi fini con la forza non sei sulla via del dharma. Il saggio esamina attentamente ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. INel guidare gli altri non si serve della forza, è giusto e imparziale. Egli viene detto “guardiano della legge”. 258 - 259 Un uomo non è un saggio perché sa parlare. Saggio è chi è paziente, libero dall’odio e dalla paura. Non è un “custode della legge” perché sa parlare. L’uomo che, pur conoscendo poco le scritture, vive il dharma nel proprio corpo e non se ne discosta, questi è un vero “custode della legge”. 260 - 261 Non bastano i capelli bianchi a fare del (...) segue